RESTA LA ZONA ARANCIONE IN SICILIA, IL TAR NON HA ACCOLTO LA RICHIESTA DI SOSPENSIVA DI CONFCOMMERCIO SICILIA MA IL MINISTERO DOVRA’ PRODURRE I VERBALI DEL CTS

RESTA LA ZONA ARANCIONE IN SICILIA, IL TAR NON HA ACCOLTO LA RICHIESTA DI SOSPENSIVA DI CONFCOMMERCIO SICILIA MA IL MINISTERO DOVRA’ PRODURRE I VERBALI DEL CTS
sicilia

RESTA LA ZONA ARANCIONE IN SICILIA, IL TAR NON HA ACCOLTO LA RICHIESTA DI SOSPENSIVA DI CONFCOMMERCIO SICILIA MA IL MINISTERO DOVRA’ PRODURRE I VERBALI DEL CTS

RESTA LA ZONA ARANCIONE IN SICILIA, IL TAR DEL LAZIO NON HA ACCOLTO LA RICHIESTA DI SOSPENSIONE DELLEFFICACIA DELLORDINANZA CHIESTA 

DA CONFCOMMERCIO REGIONALE MA HA DETTO SIALLISTANZA DI ACCESSO AGLI ATTI. IL MINISTERO DELLA SALUTE DOVRA PRODURRE I VERBALI DEL CTS

 

 

Il Tar del Lazio, a cui Confcommercio Sicilia si era rivolto avverso la decisione del Governo nazionale di decretare la zona arancione nellisola, non ha accolto la domanda di misure monocratiche comportanti la sospensione immediata dell’efficacia dell’ordinanza ministeriale impugnata. Ha, però, accolto la misura cautelare della dimidiazione dei termini processuali, fissando la camera di consiglio al 24 novembre 2020. A darne notizia è il presidente regionale vicario Confcommercio Sicilia, Gianluca Manenti, chiarendo che, altresì, è stata accoltal’istanza di accesso agli atti formulata nel ricorso, intimando al ministero della Salute di produrre entro il 24 novembre tutti gli atti del procedimento e in particolare: dei verbali numero 122 e 123 delle sedute del 31 ottobre e del 3 novembre 2020 del Comitato tecnico-scientifico, nonché del verbale del 4 novembre 2020 della cabina di regia, citati nelle premesse dell’ordinanza impugnata. Tutto ciò afferma Manenti consentirà intanto di capire meglio le ragioni alla base delle decisioni delle autorità, nonché fornirà utili elementi per valutare eventuali azioni risarcitorie. E, soprattutto, circostanza ancora più importante, che rappresenta un unicum con riguardo a tutti i precedenti provvedimenti cautelari relativi ai ricorsi presentati finora – rigettati perché non sussistevano i presupposti – il presidente del Tar conferma la “sussistenza del dedotto profilo di pregiudizioirreparabile, nella specie esistente”, sebbene poi non si senta di sospendere in via monocratica l’ordinanza in virtù del principio di precauzione sotteso all’emergenza epidemica. La camera di consiglio, sebbene con i termini dimezzati, è stata quindi fissata, come detto, al 24 novembre 2020 (e quindi oltre i termini di 15 giorni di vigenza dell’ordinanza). Il risultato “formale” ottenuto è andato al di là di ogni più rosea previsione aggiunge Manenti L’avere ottenuto l’accesso agli atti, con obbligo di produzione da parte del ministero dei verbali del Cts, è un aspetto che non va per niente sottovalutato. Credo che, quantomeno, questo ricorso servirà a fare chiarezza sulla correttezza dei provvedimenti del ministro Speranza che, a parere di molti, sono stati discriminatori nei confronti della nostra regione, creando evidenti danni economici.Dai verbali del Cts si vedrà se la collocazione in zona arancione è dipesa dalla valutazione dei dati o da una scelta di discrezionalità politica. Si è così squarciato il muro impenetrabile sui discussi dati scientifici posti alla base dei provvedimenti governativi, la cui conoscenza non soltanto potrà assumere rilevanza nel corso della prosecuzione del processo instaurato da Confcommercio Sicilia, ma consentirà di rendere conoscibile all’opinione pubblica loperato degli organi di governo, nazionale e regionale, nella lotta alla pandemia. Lunedì i rappresentanti di Confcommercio si incontreranno con i legali del team di Vocati – Studio Legale, che hanno curato il ricorso per concordare le strategie future per la prosecuzione dell’iniziativa giudiziaria, anche in relazione alle nuove decisioni che il Governo intenderà assumere.

 

Ufficio stampa

Giorgio Liuzzo

Condividi:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email
Share on print