NONOSTANTE LA CRISI E IL CALO DEI CONSUMI, LE FAMIGLIE RAGUSANE VOGLIONO REAGIRE IN VISTA DELLE PROSSIME FESTIVITA’ NATALIZIE: LO RIVELA L’ANALISI DELL’UFFICIO STUDI CONFCOMMERCIO

NONOSTANTE LA CRISI E IL CALO DEI CONSUMI, LE FAMIGLIE RAGUSANE VOGLIONO REAGIRE IN VISTA DELLE PROSSIME FESTIVITA’ NATALIZIE: LO RIVELA L’ANALISI DELL’UFFICIO STUDI CONFCOMMERCIO
D359C960-3B96-4BB0-A260-21B68C4AD0BB

NONOSTANTE LA CRISI E IL CALO DEI CONSUMI, LE FAMIGLIE RAGUSANE VOGLIONO REAGIRE IN VISTA DELLE PROSSIME FESTIVITA’ NATALIZIE: LO RIVELA L’ANALISI DELL’UFFICIO STUDI CONFCOMMERCIO

Nonostante la crisi e un calo pesante dei consumi anche in provincia di Ragusa le famiglie vogliono reagire. Lo rivela lanalisi dellufficio studi Confcommercio sulle intenzioni di spesa in vista delle festività natalizie

Nonostante la crisi e un calo pesante dei consumi, intorno al 12% rispetto all’anno scorso, le famiglie sembrano voler reagire e non rinunciare comunque ai regali di Natale. A dirlo è il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti, citando le rilevazioni effettuate, su base locale, dallufficio studi dellassociazione di categoria a livello nazionale. Non sarà un Natale come gli altri spiega Manenti ma la voglia di reagire alla crisi comunque cè. Ed è quanto emerge dallanalisi effettuata circa le intenzioni di spesa in vista dei consumi di Natale e sulle previsioni diutilizzo delle tredicesime. Ovviamente, queste ultimesaranno più leggere, con una forte riduzione di coloro che faranno regali: da quasi l’87% del 2019 a poco più del 74%. Ma chi può, spenderà per i regali una cifra solo un po’ più bassa di quella dello scorso anno (164 euro a testa contro i quasi 170 del 2019). Consideriamo, inoltre, che il mese di dicembre, che per i consumi commercializzabili vede ridursi il suo valore economico, resta comunque il mese più importante dell’anno. E potrebbe valere ancora di più se ci fossero condizioniulteriormente favorevoli di contesto e di fiducia: moltiragusani potrebbero spendere le risorse involontariamente accumulate durante il lockdown per mancanza oggettiva di opportunità di consumo. I risparmi detenuti in forma liquida sono cresciuti dialcuni milioni di euro nei primi sei mesi del 2020 rispetto alla prima parte del 2019. Nel complesso, dunque, questo mese di dicembre potrà tramutarsi in una reazione vitale per l’oggi oltre che in una promessa per il futuro: come già accaduto nel terzo trimestre dell’anno, le famiglie sono pronte a fare la loro parte, quando la fiducia migliorerà. Insomma, la conclusione è che c’è tanta voglia di ripartire che va incoraggiata. Bene, comerichiesto da Confcommercio a livello nazionale, chelultimo decreto preveda l’esonero degli oneri fiscali perle imprese più penalizzate. Un’attenzione necessaria chesi chiede, però, anche per gli indennizzi che devono essere ancora rafforzati”.

Ragusa, 1 dicembre 2020                                

                                     

      Presidente provincialeConfcommercio Ragusa

     Gianluca Manenti

                                                                                  Ufficiostampa Giorgio Liuzzo      

Condividi:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email
Share on print