Daniele Russino presidente Federmoda Ragusa

NO AI SALDI IN SICILIA DALL’1 LUGLIO, FEDERMODA RAGUSA CONTESTA LE DECISIONI DEL GOVERNO REGIONALE: “CATEGORIA PENALIZZATA”

Federmoda Ragusa: E incomprensibile che la Regione Sicilia abbia deciso di dare il via ai saldi dall1 luglio mentre nel resto dItalia saranno solo a partire dall1 agosto

Federmoda Ragusa contesta la scelta dellassessore delle Attività produttive della Regione Sicilia, Mimmo Turano, di volere fare partire i saldi in Sicilia da mercoledì 1 luglio. Condividiamo sottolinea il presidente di Federmoda Ragusa, Daniele Russino lintervento del presidente regionale Confcommercio Sicilia, Francesco Picarella che stigmatizza il fatto che la nostra isola sia stata l’unica regione in Italia a non recepire la proposta del comparto moda siciliano e di Federmoda nazionale di farli slittare all1 agosto. Il risultato di questo liberi tutti ha portato già ad un inizio anticipato dei saldi penalizzando soprattutto i ricavi delle imprese dopo 80 giorni di lockdown, facendo saltare in pieno la stagione. Avevamo chiesto alla politica, come associazione di categoria, di ridare dignità al settore moda. Siamo delusi per il fatto che la nostra proposta non sia stata accolta.

Questi alcuni dati provenienti da Federmoda nazionale: ad un mese esatto dal termine del lockdown per i negozi di moda, giusto per fare un bilancio sui consumi, dopo la prima settimana più incoraggiante, non è che si sia registrata una grande risposta da parte dei consumatori.Ad oggi, nonostante gli sconti presenti nelle vetrine, il 76% dei fashion store ha fatto registrare un calo delle vendite rispetto allo stesso periodo pre-Covid; per il 17% le entrate sono in linea con quelle dello scorso anno esolo un 7% ha avuto un incremento. Qualche soddisfazione è arrivata dallo shopping di prossimità.Vero è che probabilmente si invoglieranno i consumatori restii agli acquisti in questa cosiddetta Fase 3 sottolinea Russino ma è altrettanto vero che in questo modo non si ridà dignità al lavoro dei commercianti che si troveranno alle prese con notevoli problemi nella gestione dei magazzini. Per non parlare del fatto che è stato disatteso linvito della conferenza delle Regioni e delle province autonome che aveva scritto a tutti i presidenti di regione invitandoli a prendere una decisione omogenea. Ci risulta incomprensibile, dunque, perché in Sicilia si voglia fare di testa propria.

Ragusa, 20 giugno 2020                                      

                                       

                                                                               Presidenteprovinciale Federmoda Ragusa

                                                                                                Daniele Russino

    Ufficio stampa GiorgioLiuzzo                                                  

Condividi:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email
Share on print