LA ZONA ARANCIONE PER I COMUNI DI COMISO E VITTORIA, CONFCOMMERCIO: “I NOSTRI ASSOCIATI FORTEMENTE PENALIZZATI, CHIEDIAMO MISURE MENO RESTRITTIVE”

LA ZONA ARANCIONE PER I COMUNI DI COMISO E VITTORIA, CONFCOMMERCIO: “I NOSTRI ASSOCIATI FORTEMENTE PENALIZZATI, CHIEDIAMO MISURE MENO RESTRITTIVE”
4134A03B-FE1E-424A-B1ED-5B5B5D7B680B

LA ZONA ARANCIONE PER I COMUNI DI COMISO E VITTORIA, CONFCOMMERCIO: “I NOSTRI ASSOCIATI FORTEMENTE PENALIZZATI, CHIEDIAMO MISURE MENO RESTRITTIVE”

La zona arancione per i comuni di Comiso e Vittoria. Confcommercio: I nostri associati penalizzati da questi provvedimenti. Chiediamo da subitomisure meno restrittive

 

Le nostre imprese stanno resistendo a una crisi senza precedenti, esasperata da una pandemia che sembra non dare tregua e che spesso confonde e distorce decisioni politiche che divengono affrettate e confuse e che necessitano di interventi sindacali attenti e mirati. Lo dice il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti, a proposito dellordinanza del governatore Musumeci che, ieri sera, ha stabilito la zona arancione per i comuni di Comiso e Vittoria. Unadecisione che, di fatto aggiunge Manenti si ripercuote in modo pesante sullattività di pubblici esercizi e di locali della ristorazione che, adesso, si trovano a dovere gestire il ritorno di un incubo quando sembrava, invece, che la stagione estiva potesse in qualche modo volgere al termine. Come associazione dicategoria, è vero, ci stiamo attivando per richiedere procedure che non creino disastri economici e faremo richiesta per fare mantenere le attività ricettive aperte per gli avventori muniti di Green pass. Ma tutto ciò dipende sempre dalle decisioni del Governo regionale. Non ci sono dubbi. La situazione è molto delicata in termini sanitari ma non è possibile limitare le varie attività che stavano cercando di recuperare terreno dopo i mesi bui dello scorso inverno e, in parte, della scorsa primavera. Stiamo continuando a giocare con il fuoco. Perché quelle sono perdite nessuno rimborserà. I titolari dei locali presenti nelle due città nel giro di unora si sono visticadere il cielo addosso: come faranno con i dipendentiche avevano già assunto a contratto sino alla fine della stagione? Chi li pagherà? E con le scorte che avevano messo in magazzino? Chi rimborserà queste spese. Euna situazione molto pesante. E unordinanza non poteva non tenere conto anche di questi aspetti.

Poi aggiunge Manenti cè tutta unaltra questione che ha a che vedere con la responsabilità degli avventori che si è decisamente abbassata. Nessuno più, in pratica, utilizza la mascherina. E quando ci sono richieste in tal senso, da parte dei titolari del locale, ti guardano storto. Ora ci saranno controlli e verifiche per fare rispettare i dettami dellordinanza mentre altrove si continuerà ad andare avanti come se nulla fosse. Sino alla prossima decisione. Chiediamo, dunque, che ci siano misure meno restrittive per i settori in questione. E chiediamo che possa prevalere il senso di responsabilità sul frontedellincremento delle vaccinazioni oltre che per quanto concerne il pieno e totale rispetto delle regole del distanziamento. Certo, se non ci saranno misure meno restrittive, valuteremo la proclamazione di azioni fortiavverso queste decisioni che penalizzano enormemente i nostri associati di Comiso e Vittoria.

Ragusa, 27 agosto 2021                                      

                                           

Presidente provinciale Confcommercio Ragusa

   Gianluca Manenti

Condividi:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email
Share on print