I BENI NON ALIMENTARI FANNO REGISTRARE UNA BUONA PERFORMANCE NEL MESE DI AGOSTO, STABILI GLI ALIMENTARI: I DATI DI CONFCOMMERCIO PROVINCIALE RAGUSA SULLE VENDITE AL DETTAGLIO

I BENI NON ALIMENTARI FANNO REGISTRARE UNA BUONA PERFORMANCE NEL MESE DI AGOSTO, STABILI GLI ALIMENTARI: I DATI DI CONFCOMMERCIO PROVINCIALE RAGUSA SULLE VENDITE AL DETTAGLIO
consumi_1

I BENI NON ALIMENTARI FANNO REGISTRARE UNA BUONA PERFORMANCE NEL MESE DI AGOSTO, STABILI GLI ALIMENTARI: I DATI DI CONFCOMMERCIO PROVINCIALE RAGUSA SULLE VENDITE AL DETTAGLIO

Le vendite al dettaglio in provincia di Ragusa tornano a crescere nel mese di agosto, i dati di Confcommercio: “Buona performance per i beni non alimentari, sostanzialmente stabili gli alimentari”

“Dopo il calo di luglio, che la nostra associazione di categoria aveva definito “fisiologico”, ad agosto, in provincia di Ragusa, le vendite al dettaglio, sulla scorta dei dati provenienti dal nostro ufficio studi nazionale, sono tornate a crescere sia rispetto al mese precedente (+0,3% tanto in valore che in volume) sia rispetto allo stesso mese dello scorso anno (+1,7% in valore e +1,1% in volume)”.

A dirlo è il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti, che sottolinea come ciò sia legato, soprattutto, all’effetto dovuto alla buona performance fatta registrare dai beni non alimentari (+0,6% in valore e +0,7% in volume su base tendenziale e +2,9% in valore e +1,5% in volume su base annua), mentre gli alimentari sono rimasti sostanzialmente stabili (+0,2% in valore e -0,1% in volume su base mensile e +0,5% in valore e -0,3% in volume su base annua). Rispetto ad agosto 2020, comunque, il valore delle vendite al dettaglio cresce in tutti i canali distributivi: grande distribuzione (+1,1%), imprese operanti su piccole superfici (+1,1%), vendite al di fuori dei negozi (+2,2%) e commercio elettronico (+18,8%). “Abbiamo registrato un moderato aumento che, seppur migliore rispetto alle attese – afferma il presidente Manenti – conferma le difficoltà di passare da una fase di recupero dei consumi a una di vera crescita che, peraltro, interessa solo alcuni segmenti, come elettrodomestici, tv e prodotti per l’informatica. Per la maggior parte dei settori, infatti, nonostante i miglioramenti registrati negli ultimi mesi, il dato del 2021 sarà presumibilmente ancora inferiore al 2019. Un contesto ancora debole, dunque, nel quale si inseriscono anche le preoccupazioni sugli effetti che la ripresa dell’inflazione, prevista su valori superiori al 3% entro fine anno, potrà avere sui comportamenti delle famiglie”.

 

 

Ragusa, 8 ottobre 2021

                                                                          

Presidente provinciale Confcommercio Ragusa

        Gianluca Manenti

Condividi:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email
Share on print