6C3A027C-92B1-4612-8EDA-CB156723F153

EMERGENZA CORONAVIRUS, E’ RISCHIO DEFAULT PER MOLTE IMPRESE DEL RAGUSANO. CONFCOMMERCIO PROVINCIALE CHIEDE LA CONVOCAZIONE DEGLI STATI GENERALI DELL’ECONOMIA IBLEA

Emergenza coronavirus, seri danni alle imprese del settore alberghiero ed extralberghiero oltre che alle aziende agroalimentari. Confcommercio Ragusa chiede la convocazione degli stati generali delleconomia iblea per adottare contromisure

Dal settore alberghiero a quello extra alberghiero, dalle agenzie di viaggio a tutto il comparto legato all’agricoltura, l’economia della provincia di Ragusa, così come il resto di quella siciliana, rischia la paralisi ed il collasso. Mai come in questo momento siamo fortemente in difficoltà, rasentando, in prospettiva, il default. A dirlo è il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti, con riferimento allemergenza coronavirus, dopo avere presoatto di quasi l’80 per cento di disdette delle prenotazioni alberghiere nonché del fatto che quasi il 50% delle agenzie di viaggio iblee sembra essere in grande difficoltà per la sospensione di tutti i viaggi d’istruzione e le uscite didattiche di ogni ordine e grado per non parlare di centinaia di aziende iblee dell’agroalimentare a rischio paralisi. Insomma aggiunge Manenti unoscenario catastrofico, alimentato anche dalle ultime dichiarazioni di alcuni rappresentanti istituzionali che, in seconda battuta, hanno rivisto il tenore di determinate affermazioni quando, però, il danno, nella maggior parte dei casi, sembrava fatto. Ecco perché, come Confcommercio provinciale Ragusa, chiediamo che il Libero consorzio provinciale si faccia promotore di una convocazione degli stati generali delleconomia iblea per fare il punto della situazione su quanto sta accadendo eper avviare la ricerca delle opportune contromisure.Riteniamo conclude Manenti sia necessario un incontro urgente nel quale, oltre a chiedere strumenti e azioni volti al sostegno degli imprenditori della nostraprovincia, si valuti pure la possibilità di inoltrare alla Regione lo stato di calamità turistica”. E il presidente di Federalberghi Ragusa, Rosario Dibennardo, aggiunge, a proposito del comparto turistico: Il problema più serio riguarda il danno attuale arrecato alle imprese del settore, che si traduce in una netta perdita di fatturato. Ecco perché chiediamo un forte intervento a sostegno dell’occupazione ed una congrua riduzione sui tributi locali e nazionali, non solo nella zona rossa, e la sospensione dei mutui. Nello stesso tempo dobbiamo immediatamente trasmettere sensazioni positive relative alla nostra terra. Spiegare, insomma, che la provincia di Ragusa, la Sicilia e il resto dellItalia non sono a rischio come vogliono fare capire in tutto il mondo”.

Ragusa, 29 febbraio 2020                                                    

                                               

Presidente provinciale Confcommercio Ragusa

    Gianluca Manenti

                                                                                 Ufficio stampa Giorgio Liuzzo                                                                

Condividi:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email
Share on print